settima puntata

altre puntate

il nostro viaggio a Est del 2006

agenzia matrimoniale Maruska

martedì 5 settembre, Buchara e Turkmenistan
una macchina, la nostra, solo più Michal ed io

Verso le 5 del mattino il treno Tashkent-Buchara si ferma. Si interrompe il torposo rumore, il silenzio mi sveglia. Alla luce dell'alba il paesaggio è inquietante come lo era quando l'abbiamo percorso in macchina. Sabbia che sembra galleggi nell'aria. Mi sento sporca e appiccicaticcia, sveglio Michal, non ho il coraggio di andare da sola in bagno. Michal, che dormiva come un angioletto, si alza e mi accompagna, continuando a dormire.

Da quel momento in poi comincia la processione di chi va in bagno a lavarsi. Solo uomini, di età indefinibile, in canottiera o a torso nudo, con l'asciugamano sulla spalla, il viso cotto dalle intemperie.

Arriviamo a Buchara puntualissimi, alle 9. La stazione dei treni non è in città, ma a 15 kilometri, in un altro paese. Prendiamo un taxi e andiamo a riprenderci la macchina. Partiamo subito per il Turkmenistan, non è distante, una settantina di kilometri.

Prima di arrivare in frontiera decidiamo di buttare via tutto quello che riguarda l'agenzia e che non è strettamente necessario. Nelle ore passate collegata a internet ho letto cose "turche" sul Turkmenistan. Certo, non alla stregua dell'Iran, ma tant'è, se dobbiamo prepararci per uno tanto vale farlo prima di entrare nell'altro. In Iran ho letto che oltre a non poter portare alcool è assolutamente proibito portare giornali o video cassette con donne vestite all'occidentale. Noi abbiamo circa 1000 fotografie di nuove clienti, per non parlare dell'archivio sul computer, abbiamo migliaia di questionari compilati...

In Turkmenistan abbiamo letto che c'è un presidente che si è equiparato ad una sorta di messia. Ha scritto al proposito un libro, "il libro". Per prendere la patente bisogna dimostrare di averlo letto, anche per accedere a cariche pubbliche, poi lui si è messo d'accordo con il padreterno che chi lo ha letto 3 volte va diritto in Paradiso. Ha chiuso le biblioteche, le librerie sono piene dei suoi libri che sono anche adottati come testi scolastici (lui ha scritto di ogni argomento). Fuori da Ashgabad ha chiuso tutti gli ospedali, tanto se uno si ammala può andare nella capitale..

Io sono spaventatissima, mi guardo intorno cercando un posto dove buttare almeno i pacchi con i questionari intonsi e gli inviti ai meeting rimasti. A un certo punto vediamo un canale.. Mi sembra una bella idea, e siccome Michal è riluttante scendo rapidamente e butto i pacchi velocemente nel canale. Che bestialità, non mi sono resa conto che i pacchi, avviluppati in carta cerata, non andranno a fondo!!! E così li vediamo galleggiare allontanandosi...

to turkmenistan         to turkmenistan         to turkmenistan

Arriviamo alla frontiera alle 11 e mezzo. C'è poca gente. Nella parte uzbeka facciamo abbastanza in fretta, ma i guai cominciano nella parte turkmena. Per prima cosa ci dicono che dobbiamo pagare sia le tasse di frontiera, sia la differenza del costo del gasolio che useremo... e accettano solo dollari. Non ne abbiamo più, in Uzbekistan dove si poteva pagare sia in euro che in dollari abbiamo incautamente preferito usare i dollari. E adesso? Ci dicono che in un gabbiotto c'è uno che li cambia. Michal ci va, ma torna con nulla di fatto, io intanto sto boccheggiando dentro la macchina, ci saranno 50 gradi all'ombra, ma di ombra nemmeno un filo. Il tipo nell'ufficio che è tappezzato dalle foto del presidente, si offre allora di cambiare lui, alla pari, cento euro, cento dollari. Va beh. Paghiamo circa 60 euro/dollari, poi andiamo a fare l'assicurazione. Anche qui l'ufficio ha le pareti praticamente coperte dalle foto del presidente, sono imbarazzata, mi sento di dover almeno commentare un pò:

ah, quello è il vostro presidente... giovane
faccio, indicando una delle foto nella quale avrà 50 anni

Non mi risponde.

Mentre quello scrive un altro ci dice che in Turkmenistan dovremo seguire la strada prefissata, ci scrivono infatti una tabella di marcia. Non si può fumare al volante (ma scherza?), Michal gongola. Poi dobbiamo andare a farci timbrare i passaporti ma nel frattempo c'è la pausa pranzo e ci dicono di aspettare le due. E' mezzogiorno e mezzo. Un'ora e mezza sotto il sole in un posto in mezzo al deserto dove non c'è nulla da vedere. Michal lava i vetri della macchina, io mugugno stesa sul sedile dove pensavo di dormire con l'aria condizionata accesa, ma il sole è talmente forte che non si riesce comunque a stare in macchina. Mi siedo davanti alla porta dell'ufficio dove ora ci sono 20 centimetri d'ombra e guardo passare un militare che va avanti e indietro con i piatti del pranzo.

Alle 2 non arriva nessuno, andiamo a cercarli, ci dicono che sono dentro l'ufficio che dormono. Bussiamo, ci aprono. Poi arrivano a controllare la macchina, ci fanno scaricare praticamente tutto e poi portare dentro l'ufficio. Dobbiamo registrare tutto quello che è tecnico, pure i walkie-talkie. Alle 3 e mezzo partiamo per Ashgabat.

Siamo in Turkmenistan

turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan
La prima delle 10000 statue del presidente che incontreremo turkmenistan
Ci salutano tutti... turkmenistan            turkmenistan
Dopo 50 kilometri c'è un ponte a pagamento
turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan
Ogni edificio ha la sua bella foto del presidente
turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan
gli animali per le strade sono soprattutto cammelli turkmenistan            turkmenistan
turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan
Nelle piccole cittadine le donne hanno i vestiti lunghi, colorati, ma poche con il velo in testa. Alcuni uomini portano un berretto di pelliccia... turkmenistan
turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan
ogni 30/40 kilometri il posto di blocco e ogni volta bisogna scendere e registrarsi turkmenistan
il solito monumento al carro armato turkmenistan
Viaggiamo tutto il pomeriggio in pieno deserto, arriviamo a Mary che è già buio. Cominciamo a cercare l'albergo, ma tutti ci dicono che accettano solo dollari e inoltre ne vogliono tanti, 60/70 che per noi sono euro a questo punto. Andiamo a mangiare in un bel posto in pieno centro. Shaschlik di manzo io e di capra Michal. Cerchiamo un posto dove dormire, subito fuori città, sulla strada per Ashgabat, in un piazzale pieno di sabbia.
turkmenistan            turkmenistan
mercoledì 6 settembre, deserto di Karakun
sempre solo una macchina, la nostra, solo più Michal ed io
Mi sveglio prestissimo e comincio ad andare, Michal dorme ancora tre ore. Alla mia sinistra ora ci sono le montagne, oltre è già Iran
turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan
Siamo di nuovo fermi ad un posto di blocco, ma questa volta la monotonia dell'attesa è interrotta da un episodio singolare, diciamo una rissa. Lo strano è che è coinvolta pure la polizia, almeno due poliziotti si prendono le botte. Sorprendente che si limitino a dividere i due che si picchiano e che una volta divisi li lascino allontanare, prima uno, poi, a tempo debito,l'altro. Senza arrestarli, niente...
turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan
bel parcheggio turkmenistan
turkmenistan camion pieno d che meraviglia!!
Facciamo gasolio, il pieno: 1 dollaro e mezzo... e arriviamo ad Ashgabat. La città è alle pendici delle montagne, c'è molto vento e molta, molta polvere, sabbia. Le donne che spazzano le strade (ce ne sono a centinaia) hanno tutte una sciarpa avvolta intorno al viso. Sono impressionanti.
turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan

La prima cosa che facciamo è quella di cercare una libreria. La troviamo, grande, in centro. Entriamo e ci accorgiamo che tutte le cose che avevamo letto non erano riuscite a farci immaginare una cosa del genere. Una grande libreria con negli scaffali sempre solo lo stesso libro!! No, quando ci avviciniamo e leggiamo capiamo che sono diversi i libri, ma tutti uguali, tutti con lo stesso autore, cambia solo il colore e il titolo. Sono rosa confetto, verde mela, gialli canarino e azzurri puffo.

Siamo imbarazzatissimi. Non osiamo guardare in faccia le commesse, facciamo finta di niente e chiediamo di vedere le cartine, le mappe.. di Ashgabat, del Turkmenistan. Non ci sono, non sono ancora state stampate (!!?) Poi una di loro si consulta e torna dopo un minuto con una cartina stampata su cartoncino su un foglio A4.... E calendari? Qui arriviamo al top: ci fa vedere una decina di calendari, tutti, ma proprio tutti hanno su tutte le pagine la foto del presidente. Ne compriamo 3 ma siamo strabiliati. In uno Michal comincia a leggere, i nomi dei giorni sono cambiati, non sono lunedì martedì... ad ogni giorno della settimana il presidente ha dato il nome di un suo familiare..

Compriamo poi un libro enorme che è diverso da tutti gli altri, non è di colore pastello, è un grande libro su Ashgabat, in turkmeno, russo e inglese, scritto dal presidente. Parla della sua vita e della citta e non si contano le sue foto.

Paghiamo e usciamo e abbiamo la sensazione come se le ragazze dietro il balcone fossero state bastonate.

turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan
Andiamo a mangiare in un bel ristorante vicino al mercato. Mangiamo benissimo, io pelmeni, insalata e shashlik, Michal prende un grosso pesce con le patatine. Coca cola e caffè. Poi facciamo un giro al mercato
turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan
passiamo il pomeriggio a girare per la città, a cercare internet, ce ne indicano due o tre ma sono tutti chiusi. Non chiusi temporaneamente, chiusi e basta. Non riusciamo a crederci, finalmente decidiamo e andiamo nel grand hotel e lì finalmente internet c'è, ma solo per i clienti e noi certo non vogliamo diventare clienti a 200 dollari a notte.

Finalmente Michal trova delle indicazioni, in un chiosco, c'è una ragazza che gli scrive i nomi degli alberghi un pò economici (gli scrive anche il suo numero di telefono, ma di nascosto dal suo ragazzo!). Così troviamo da dormire. Un pò fuori dal centro, in collina, un albergo che da fuori è bellissimo e invece dentro è abbastanza cadente. 25 dollari la doppia, il parcheggio nel parco interno. Scarichiamo i bagagli e poi torniamo in città a girare. Cena nello stesso ristorante del pranzo..

turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan

non riesco a crederci.. la statua del libro, l'enorme statua a un libro!!!!!!

Michal contina a fare le foto, mentre ci giriamo intorno è la cosa più incredibile che abbiamo visto

turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan
faccio la prova del vestiario, pantaloni lunghi, maniche lunghe.... turkmenistan

giovedì 7 settembre, Ashgabat
una macchina, la nostra, solo più Michal ed io
Dormiamo male perché tutta la notte nella stanza vicina si divertono e fanno rumore, poi la mattina prima dell'alba ci svegliamo di soprassalto: urla disumane nel corridoio. Sento le voci ma non capisco le parole. Michal anche lui fa fatica, al buio ci avviciniamo alla porta, dopo un pò mi dice che stanno cercando di calmare uno che urla che vuole ammazzare la ragazza trovata con uno (probabilmente quelli che facevano baccano stanotte). Stiamo immobili, molto spaventati e non sappiamo cosa fare. Colpi contro le porte che sembra che venga giù il muro (che peraltro era già tutto crepato). Torniamo a letto e non riusciamo a capire come sia possibile che non riescano, sembra che ci siano 10 persone, a farlo smettere. Poi di colpo si capisce che si stanno allontanando. Ormai siamo svegli. Ci prepariamo, nascondiamo tutte le foto, i questionari, io muoio di paura, e partiamo
Michal fa le foto dalla finestra dell'albergo
turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan
turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan
Arriviamo alla frontiera che sono le 7 del mattino, c'è una bella sorpresa, la frontiera apre alle 8. Quindi torniamo in città a fare benzina, siamo quasi in riserva.

Michal è già vestito per l'Iran, pantaloni lunghi e maglia in tinta unita.

turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan
turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan            turkmenistan

continua..
torna all'indice del viaggio



home page agenzia matrimoniale